Il profilo del gruppo

Il "Gruppo Libris" nasce a Vicenza nel 1989, formato dalle librerie che avevano in uso il software gestionale «a titolo» "Libris" ideato dal libraio ticinese Libero Casagrande di Bellinzona. Obiettivo del gruppo era quello di ritrovarsi periodicamente per analizzare i problemi del mercato librario e confrontare le esperienze di ciascuno alla luce dei dati che finalmente potevano avere a disposizione.

’adozione del programma "Libris" aveva modificato radicalmente i metodi operativi all’interno delle librerie e si rendeva necessario un lavoro di formazione permanente a due livelli, uno riservato ai titolari e ai responsabili delle aziende e l’altro diretto all’istruzione del personale.

Fin dall’inizio il rapporto fra l’ideatore del programma e gli utilizzatori è stato quello di mettere in comune i dati annuali per proporre al mercato, finalmente, informazioni oggettive su quanto effettivamente accadeva nelle librerie e soprattutto riuscire a capire quello che «non accadeva» e più esattamente quanti e quali titoli, nell’arco di un anno, non avessero alcuna movimentazione. Era possibile inoltre riuscire a individuare con maggiore tempestività i titoli che entravano in libreria come potenziali bestsellers ma che non si traducevano in vendite effettive.

Per la prima volta i librai più attenti si rendevano conto che i dati cumulati nei propri gestionali potevano essere considerati un patrimonio e una risorsa da utilizzare per migliorare i propri rapporti, anche commerciali, con i fornitori. Patrimonio che in anni successivi la maggior parte dei librai indipendenti, con Arianna, disperderanno scambiando un servizio dovuto da parte di editori e fornitori (anagrafica corretta delle novità prima della distribuzione) con un autentico valore frutto di investimenti propri (i dati di vendita).

Nel 1992 nasce il coordinamento del Gruppo. All’attività di fornitura dati a società di ricerca o a singoli editori, che ha consentito per anni il finanziamento del Gruppo, gli associati delegarono all’ufficio di coordinamento la raccolta, l’elaborazione e la comunicazione di informazioni corrette sull’andamento delle vendite mensili. Da allora, trimestralmente, gli associati che quei dati forniscono ricevono di ritorno le informazioni sull’andamento generale delle vendite del periodo e, pur rimanendo riservati i dati delle singole librerie, possono valutare la propria posizione confrontandola con i dati cumulati forniti dai colleghi.

Il Gruppo è composto da librerie indipendenti di piccole, medie e grandi dimensioni, dislocate prevalentemente al Nord ma con significative presenze al Centro e al Sud, con un livello di fatturato complessivo di oltre i 23 milioni di euro nel 2009.

Nel 2001 l’Assemblea generale del Gruppo approva un nuovo statuto, e apre l’associazione anche a librerie che utilizzano gestionali diversi ma che ne condividono gli scopi:

  • Favorire e sostenere in maniera coordinata e continuativa iniziative di promozione del libro e della lettura. - Raccogliere, elaborare, distribuire e dare accesso alle informazioni utili alla conoscenza del mercato librario, fondamentali per il successo delle librerie indipendenti. - Realizzare una collaborazione attiva fra le librerie associate al fine di creare spazi per la discussione e rendere comuni le esperienze.
  • Raccogliere ed elaborare dati del mercato librario per migliorare la gestione degli assortimenti e delle giacenze delle librerie.
  • Realizzare seminari e incontri di formazione per discutere e approfondire i problemi di gestione della libreria.
  • Coordinare fra gli aderenti la elaborazione di statistiche da utilizzare anche all’esterno dell’ associazione, con la sola esclusione degli elementi informativi che dovessero riguardare o far emergere dati e notizie di natura economica relativi alla gestione amministrativa dei singoli soci.
  • Valutare le proposte, approfondire gli argomenti, compiere le azioni ritenute opportune dall’assemblea dei soci per migliorare, mediante l’impiego di programmi informatici e delle tecnologie più aggiornate a disposizione, la gestione delle aziende associate secondo le migliori pratiche commerciali capaci di assicurarne la redditività e l’autonomia.
  • Manifesto delle librerie indipendenti